09Ottobre

SERIE B: NOVARA 36 - SONDRIO 31

Un bis sofferto.

Su entrambe le panchine si parla rumeno . Il “novarese” Vacaru  deve rinunciare al solo  Tonelli rispetto al XV vincente a Bergamo. Prima linea di gran peso con Adriano Gaeta al tallonaggio affiancato dal fratello Corrado e da Quadraro , Condrut e Loretti  II in seconda,  Guglielmi e gli altri due Loretti in terza . Loddo e Vacaru jr  dirigono il coro , mentre corsa e spazio largo sono cosa di Cerutti , Battaglia , Vicari , Di Maria e Stofella.

Il match sembra subito più equilibrato e difficile rispetto alla trasferta bergamasca . Subito fuochi artificiali targati Sondrio che marca pesante al 4’ : touche giocata fuori , buon handling e ala che brucia la nostra difesa che difetta nel placcaggio.  Tocca al  pack raddrizzare subito le cose . Punizione in rimessa laterale acchiappata a due mani da Luca Loretti e letale cassaforte conclusa in meta dal fratello Fabio.  Vacaru trasforma il 7 – 5.  Poche le mischie , dove i nostri sono devastanti , molte di più le touche che sono 50 e 50 perché le squadre si temono e prima di innescare i reparti arretrati  cercano il guadagno territoriale che , per il Novara , è affidato al piede magico di Vacaru jr , oggi davvero preciso.  Dopo che un provvidenziale placcaggio di Stofella chiude la via della meta agli ospiti , il Novara reagisce e si riporta sotto per vie verticali , sfruttando le penetrazioni di Nani Loretti e dei Gaeta  che costringono Sondrio al fallo. Siamo al 15’ e Vacaru jr. strappa applausi segnando dalla piazzola da metà campo con la complicità del palo. La gioia è di breve durata perché gli ospiti vanno subito in meta al 16’ ,quando Fabio Loretti macchia una prestazione davvero maiuscola con un fallo stupido in zona  rossa che costa assai caro perché  giocato rapidamente dal  centro ospite che beffa una difesa  a dir poco distratta. Vantaggio Sondrio 12 a 10 per via della trasformazione . La parte centrale del primo tempo vede la supremazia del Novara  in mischia , ma un Sondrio pericoloso al largo e nel gioco tattico al piede perchè il contrattacco del nostro triangolo allargato guidato da uno  Stofella in bella evidenza è ben francobollato dalla linea difensiva ospite. Spesso però è Vacaru jr a vincere il ping pong tattico e nel finale di tempo è proprio la nostra apertura a salire in cattedra imponendo il drop come arma offensiva . Poco prima segnaliamo una mischia da applausi  che sradica terreno e tacchetti avversari  andando a riprendersi un pallone maldestramente perso in avanti da una goffa presa di Luca Loretti , autore comunque di una buona prova. Tempo di drop dicevamo : ne arriva uno al 30’ preparato da Loddo dopo una rimessa laterale poco fuori dai 22 metri ospiti e , dopo  una spettacolare presa al volo su calcio di inizio di Nani Loretti che riporta subito la squadra in attacco, ne arriva subito un altro questa volta preparato dalla mischia ordinata e pallone scaricato da Loddo a Vacaru jr. che , implacabile , concede il bis al 34’ e fissa il parziale sul 16 a 12.

Secondo tempo: dentro Cotroneo , una mossa che si rivelerà decisiva, per Condrut e dentro anche il terzo drop di Vacaru jr. che ha il piede ancora caldissimo e centra i pali dopo due minuti da  notevole distanza infiammando il Laurenti.  Sembra  che tutto vada per il meglio e invece arriva un inopinato  black out che  rimette tutto in discussione.  Sono 15 minuti da paura  .  I nostri diventano fallosi e concedono un penalty che viene giocato in touche  dove il Sondrio restituisce la cassaforte e sigla una meta poi trasformata che pareggia i conti 19 a 19. Nemmeno il tempo di  scuotersi che gli ospiti replicano al 10’ : questa volta si tratta di un bell’allargamento   che prende d’infilata una difesa novarese si in sottonumero , ma anche pigra nel placcaggio. Comunque altri 7 punti.  Il pubblico comincia a preoccuparsi  perché manca la reazione  e addirittura il Sondrio coglie subito anche la meta del bonus al 12’ quando  un letale calcio nel box centrale del nr. 9 ospite , coglie in contro tempo  Stofella che arriva tardi alla presa e non controlla l’ovale su cui si avventa la pressione delle maglie bianche che recuperano  palla evitando il disperato tentativo  di placcaggio di Nani Loretti e di Vicari. Per buona sorte Sondrio non centra i pali. Esce uno stremato Loretti III ed esordio ufficiale per  Hoffman.  Il Novara trova allora la forza di reagire . Cotroneo scuote gli avanti , mentre Vacaru jr. prende più coraggio nel giostrare anche con i tre quarti finora abbastanza inoperosi in attacco . Al 20’ inizia la riscossa novarese. E’ Stofella che si perdonare il precedente errore in presa e un mark  chiamato palesemente fuori dai 22 , contrattaccando all’arma bianca ben sostenuto da Luca Loretti abile nel  proteggere  il pallone a metà campo consentendo  a Loddo di  smistare per  Cerutti ;  finta di incrocio con Battaglia e volo in meta del nostro primo centro . Vacaru jr. non perde l’occasione per firmare il 26 a 31 che riapre i giochi anche perché esce per un giallo l’apertura ospite. Il pubblico ci crede e incita a gran voce i ragazzi . Il Sondrio tiene duro e il match si infiamma e diventa a tratti spettacolare . Il Novara non sempre placca in avanzamento ma riesce ad ottenere dei preziosissimi turn over che poi una eroica prima linea capitalizza in possesso. Si arriva così all’ultimo quarto in cui le squadre accusano la stanchezza , ma non mollano.  Sondrio utilizza la panchina , mentre nessun movimento  arriva da quella azzurra.  Il Novara osa e manca la meta con un bel kick pass di Cerutti  su cui Stofella manca per un niente la presa , poi è la volta di Di Maria che , smarcato all’ala ,perde il pallone in avanti . Al 27’ è proprio l’ala reggitana  che si fa perdonare marcando la meta match : ennesimo turn over  nella metà campo azzurra con Cotroneo che esce palla in mano e si invola frenato a stento dalla difesa , arriva a sostegno Loddo che riapre in superiorità numerica dove Cerutti e Battaglia fissano a dovere e lanciano Di Maria che stavolta innesta il turbo, divora la pianura e lascia sul  posto l’estremo di Sondrio tuffandosi in meta.  Vacaru jr. si lecca i baffi  e  trasforma il sorpasso 33 a 31 ! Mancano 10’ ma è solo Novara , perché gli ospiti sono sulle ginocchia mentre gli azzurri , pur stanchi, tornano in avanti alla ricerca della meta del bonus , fermati più volte fallosamente dalla difesa. Arrivano tre piazzati . Vacaru jr . ne sbaglia uno , prende un palo – fuori , ma al 40’ suggella una grande prestazione centrando i pali per il definitivo 36 a 31. Poco recupero  e arriva il triplice fischio a suggellare la 22 vittoria consecutiva , la seconda in serie B. Applausi per tutti  veramente meritati.

Molti i giocatori ampiamente oltre la sufficienza , ma man of the match a Vacaru jr. oggi veramente bravo nel gioco di spostamento e nel guidare la squadra e soprattutto cecchino infallibile autore di ben 21 punti. Ottimo Cotroneo , efficace nei recuperi Guglielmi , eccellente Cerutti.

Prossimo impegno domenica 15 ottobre con l’insidiosa e sempre difficile trasferta sarda a Capoterra.

 

Non entrati : Bottero, Vientsov, Cravini , Bruzzi e Hajmeli.

Stefano Paracchini

Categorie: Prima squadra